Commenti
  1-8/8  
nadia
29 dicembre 2005 0:00
xxx hai mai pensato a fare il comico? mi ricordi cornacchione e che ridere se non fosse che purtroppo tu sei vero...comunque io e sono sicura anche gli altri ci facciamo grasse risate ai tuoi interventi ,continua così ti prego...
xxx
29 dicembre 2005 0:00
ALEX e LUCIO MUSTO, poveri proletari straccioni,non morti di fame xchè lo stipendio statale vi fa vivere più che bene,ma sporchi proletari comunisti ipocriti che spartiscono il pane degli altri e si tengono ben stretto il loro. LUCIO MUSTO organizza un incontro in qualche luogo FISICO,fatti vedere in faccia ,con un Ordine del Giorno ben preciso da discutere,eroe mascherato,sei un COMUNISTA che vive in occidente non in paesi comunisti.Smettila di dare del cretino e pazzo a chi non la pensa come te.Lavori all'ADUC? lo hanno capito tutti,all'ADUC SONO TUTTI VOLONTARI!!! mangiano la manna a cui non hanno mai creduto manco loro,AH!!! AH!!! AHHHH!
Alex
29 dicembre 2005 0:00
gianni, io scrivo di getto, non ho tempo di pensare e scrivere cazzate come te. Quindi qualche errore di digitazione è inevitabile.
I tuoi errori di ortografia sono ben più gravi, per non parlare della malattia cerebrale ormai in stadio avanzato.
Probabilmente hai avuto qualche brutta esperienza da piccolo. Ti ricordo qualcuno che ti ha picchiato e/o violentato?
gianni
29 dicembre 2005 0:00
....la massimo subisce .....
Si dice al massimo subisce gnurant!!!
e poi non fare il democratico che non ti si addice!!
merdina secca(come le tue chiappe che si fotte il negraccio che si sbatte tua moglie)
nadia
28 dicembre 2005 0:00
bravo lucio musto......
Lucio Musto
28 dicembre 2005 0:00
Troppo vero ahimé, Alex!

É il solito gatto che si morde la coda: leggi di basso profilo perché non abbiamo il fegato di farne di giuste e farle rispettare fino in fondo, e tanti che sfuggono fra le maglie e danno fastidio.

Naturalmente gli immigrati poverelli, che sono quelli più sprovveduti, risultano i più visibili.

(così, per caso, mi vengono in mente i cinesi..., che sono immigrati pure loro, ma tutt'altro che sprovveduti...)
Alex
28 dicembre 2005 0:00
In Italia regna sovrano il lassismo. Le leggi ci sono (anche troppe!) ma purtroppo mancano i controlli, non c'è certezza della pena, non ci sono processi giusti (nel senso che durano troppo e sono sbilanciati a favore dei cavilli invece che della sostanza) e ci si sforza a cercare le scappatoie.
Se il vicino dice che è riuscito ad evadere una tassa, l'italiano medio chiede "come hai fatto?"; invece all'estero lo denunciano.
E' una provocazione, ma se le cose in Italia non funzionano è colpa degli italiani.

Lucio quello che dici in parte è vero, ma ti ricordo che pochi sono quelli che si arricchiscono sfruttando l'immigrazione, molti invece sono quelli che ne subiscono le conseguenze negative. Chi si lamenta non lo fa perchè non è riuscito a trovare qualcuno da pagare in nero*, ma perchè non c'è più sicurezza nei luoghi in cui si vive

* il dipendente ha bisogno di un posto di lavoro, la massimo subisce il ricatto del lavoro nero, ma non ci campa sopra
Lucio Musto
28 dicembre 2005 0:00
La Legge!

Talvolta, per un qualche interesse personale, si incontra la legge. E di solito è sgradevole.

Mi interessava lo scambio di brani musicali registrati sul computer, i celebri “mp3”. Un modo economico per aumentare la conoscenza della musica che ti piace, per arricchire la collezione delle esecuzioni preferite, per scoprire nuovi autori e valutarne il talento.
Certo qualcosa di analogo puoi farla spulciando cataloghi e comprando dischi. Ma non nella stessa misura: ci vorrebbero capitali che non hai, ci vorrebbe assai più tempo e pazienza. Soprattutto ti mancherebbe l’ “assaggio”, cioè la possibilità di ascoltare con calma un pezzetto qua ed uno là molti pezzi prima di decidere se prenderne qualcuno o no. Infine, per un brano che ti interessa devi comprare un disco intero: musica che non vuoi o più spesso doppioni o triploni della stessa esecuzione.

Un’indagine sul “forum di discussione”, e mi consola che tanti, tutti la pensano come me. Scambiare musica, come scambiare cultura ed informazione non è solo divertimento, ma esigenza comune. Ma ci sono le leggi!...
Leggi che proibiscono questo o quello, leggi che dichiarano illegali gli scambi che vorremmo fare, leggi che pur considerando le esigenze della gente non sanno come contentarle e quindi cercano di ignorarle… magari solo perché qualcuno non ci guadagna abbastanza!

In una parola, leggi inadeguate, qualche volta inique. E su questo siamo tutti d’accordo.

Dove mi agghiaccio invece è la disinvoltura con cui tanti buoni concittadini, persone integerrime, intelligenti ed integrate nel sistema affrontano il problema: la legge non ci piace, secondo noi è ingiusta o mal posta, è scomoda?... la soluzione è semplice: la si ignora! Tanto (e questo è l’atteggiamento più pernicioso e che più mi angoscia), la probabilità di essere “beccati” è praticamente inesistente… e se poi siamo sfortunati… beh ci sono mille scappatoie e buoni avvocati!

Ecco cioè, la legge intesa non come guida sociale, ma come iattura e male inevitabile da cercare di evitare.
Centotrenta all’ora?... basta sapere dove sono gli “autovelox”…
e nessuno pensa che siamo noi stessi a pagare quei poveri diavoli che stanno al freddo dietro quelle macchinette costose pure comprate coi nostri soldi… poveri diavoli che se ne starebbero volentieri a casa loro lasciandoci viaggiare a nostro piacimento alla velocità che vogliamo perché a loro… “nun je ne p’ò fregà de meno!....”
E la musica me la copio lo stesso, il solito amico bene informato mi ha insegnato come si fa. Mica posso preoccuparmi di “quelli della SIAE!”.

Questa, la coscienza sociale e democratica della più parte degli italiani: forse, di riffa o di raffa, di “tutti” gli italiani!

E non ce ne vergognamo nemmeno!
---------------------------------

Gianluca:

L'italiano media paga le tasse solo se non gli riesce di evaderle.
L'italiano medio non crede che le sue leggi siano vere
L'italiano medio mal sopporta lo straniero quando questi non lo serve come vorrebbe lui. (O non vuol lavorare in nero a mezza paga)
Commenti
  1-8/8