Commenti
  1-2/2  
lucillafiaccola1796
21 febbraio 2010 20:32
2010
Claudio!
L'unica giustizia che trionfa è ... La Vendetta....!
Nicola
24 marzo 2003 0:00
le strategie della telecom per truffare denaro alla gente sono ormai cambiate,aprite gli occhi e le orecchie!!!! se desiderate cambiare piano tariffario dell'abbonamento adsl di telecom italia "alice" o contattate il servizio 187 per segnalazioni,accertatevi ke il passaggio sia avvenuto o se la segnalazione è stata archiviata tante,ma tante volte... mi spiego: da vittima di questa nuova strategia telecom vi descrivo di conseguenza la mia esperienza. ho iniziato la mia esilarante esperienza nel mondo alice il 29 giugno 2002 con un contratto alice 20 ore; 2 mesi di canone gratis,e tante belle cose... quando ad un certo punto, preciso, il 24 agosto 2002 il mio modem non da più il segnale di collegamento adsl a seguito di un temporale che colpi la mia zona in quel periodo. così dopo aver atteso in vano il ripristino della linea per alcuni giorni ho contattato il servizio 187 comunicado dell'avvenuto. qui comincia una serie di ping-pong tra telecom e tin.it, che si addossavano la colpa a vicenda. nel frattempo ho comunque eseguito delle veriche per capire da dove derivasse il guasto, se derivava dal modem o dalla linea in se per se. quindi prendo il mio modem "webpower" e verifico il suo funzionamento a casa di un amico che l'adsl... esito? funzionante! quindi sarà un guasto dovuto alla linea, pensai tra me e me. finalmente dopo oltre 2 mesi di attesa arrivano gli operatori telecom a casa mia (in mia assenza) per il ripristino della linea adsl. fin qui tutto regolare. approfittando della mia assenza svolgono il loro lavoro in maniera molto superficiale e cominciano a enunciare le cause che hanno causato il disservizio e… indovinate dov'era il guasto? al modem!!! vabbè! al mio ritorno a casa trovo il modem nuovo e un messaggio "è tutto ok, funziona di nuovo alice!". quindi la prima cosa che faccio è "provo a collegarmi!", ma non era configurato alcun modem e non è stato rilasciato alcun driver di installazione!! quindi mi collego (con la connessione a 56k) e scarico il driver relativo a quel modem, lo installo e verifico il funzionamento... tutto ok si, ma grazie al fai da te!! fichè il 28 ottobre 2002, tengo a precisare alle ore 10:20, ricevo una telefonata dalla telecom da un premuroso e "onesto" operatore che riteneva che, essendo le mie ore di traffico un po' eccessive (quindi oltre le 20 previste dall'abbonamento), dovessi passare ad alice flat. io dopo qualche minuto di riflessone acconsento, ringraziando il gentile ed "onesto" operatore. dopo questa confortante telefonata ho atteso una settimana (tempi tecnici di attivazione della "nuova" tariffa), dopo di chè, non ponendomi più il problema della durata della connessione, ho iniziato ad effettuare connessioni più lunghe e spensierate (permettendomi anche di dimenticarmi acceso il computer con la connessione in corso). all'arrivo della bolletta, in data 24/12/2002, queste spensierate e lunghe connessioni mi sono risultate tutte come traffico in eccesso oltre le 20 ore del vecchio contratto. al chè ho subito provveduto inviando raccomandate a/r e contattattando il servizio clienti 187. indovinate un po'... non risultava alcun cambio di tariffa e nè alcuna richiesta!!! sorpreso della notizia, ho subito provveduto a segnalare il tutto con un reclamo e ad attivare immediatamente la tariffa da me richiesta già 2 mesi prima! così la gentile e "onesta" operatrice telecom italia, mettendosi a mia completa disposizione, ha provveduto e ha effettuato sia il reclamo che il cambio di tariffa dicendomi che per il responso dovrei aspettare massimo 10 giorni. capite ora che dopo questo sorprendente ed inatteso evento la mia fiducia nei confronti della telecom è ridotta davvero a briciole, quindi comincio a registrare ogni chiamata che effettuo al servizio clienti 187, compresa questa. sembra finita eh? no! passano i 10 giorni e non ho alcuna notizia del mio reclamo. così, il 03/01/2003, chiamo il 187 e chiedo informazioni sul reclamo attestato al mio numero. inesistente! niente, non risultava alcun chè: né il reclamo e né il passaggio di tariffa!!! ditemi voi! così vado in bestia e spiegando la mia situazione all’operatore telecom di turno, faccio effettuare un reclamo, questa volta con un numero di serie e il passaggio di tariffa… effettivo questa volta! giungiamo dunque al 09/01/2003 quando, dopo aver fatto diventare la chiamata al 187 un abitudine quotidiana visto che attendere informazioni da loro era diventato come suicidarsi, ho la lieta notizia che finalmente il passaggio di tariffa è stato effettuato. il reclamo? causa persa. il perche’? non ho una carta scritta su cui vi è attestato il cambio di tariffa in quella data (per gli smemorati il 28/10/2002)! ma come? se tutte le attivazioni che noi tutti effettuiamo avvengono prettamente per telefono tramite il 187 e senza certificati e cartacce varie! che truffa coi fiocchi eh? credete che sia finita? noooo!! il 03 marzo 2003 arriva la bolletta relativa al bimestre dic/gen: solo 1.257,00 euro!!! aspettavo una bella cifra (anche se comunque non l’avrei pagata), ma questo è troppo!! sfogliando la bolletta poi mi accorgo che la data di passaggio della tariffa risulta al 21/01/2003 e non come mi aveva detto il caro ed “onesto” operatore il 09/01/2003 (come se non mi avessero truffato già abbastanza soldi!). dopo essermi ripreso dallo “choc”, comincio ad inviare fax, raccomandate a/r e chiamate al servizio clienti 187 (ormai inutili vista l’ignoranza e l’incompetenza della maggior parte degli operatori telecom). carissimi e gentili signori, ad oggi 24/03/2003 non mi è giunta alcuna risposta alle decine di lettere e fax che ho inviato. la fine della storia? non la so neanche io, ma spero che trionfi la giustizia!
Commenti
  1-2/2