testata ADUC
Berlusconi sanguina, la Lega abroga il SISTRI, e l’Ecomafia ringrazia!!
di francescomangascia
14 agosto 2011 0:09
 
Il pareggio di bilancio, la manovra, il balzello, è stato giustificato dal Governo come una scelta dovuta perché imposta da Bruxelles, a questo punto però mi sorge un dubbio, come mai un Governo che obbedisce così celermente a Bruxelles, nello stesso decreto ha contravvenuto a quella parte della legislazione comunitaria inerente al sistema di informatizzazione informatico dell’intera filiera dei rifiuti, abrogando, nella stessa manovra che ha fatto sanguinare il cuore di Berlusconi, il SISTRI, cioè il sistema informatico per monitorare i rifiuti pericolosi tramite la tracciabilità degli stessi. www.sistri.it Al Sistri Sono obbligati ad aderire: tutti i produttori iniziali di rifiuti pericolosi; tutti i produttori iniziali di rifiuti non pericolosi derivanti da lavorazioni industriali, da lavorazioni artigianali, da trattamenti effettuati sulle acque, da trattamento di rifiuti e costituiti da fanghi da abbattimento delle emissioni in atmosfera con più di 10 dipendenti; tutti i trasportatori di rifiuti speciali prodotti da terzi; i trasportatori di propri rifiuti speciali pericolosi; i gestori di impianti di recupero e smaltimento-, gli intermediari e i commercianti di rifiuti senza detenzione degli stessi. Il sistema per la tracciabilità dei rifiuti è stato disciplinato dal decreto ministeriale 17 dicembre 2009 e in seguito modificato con altri quattro decreti, entrerà in funzione (a seguito di alcune proroghe) il 1º giugno 2011 e diventerà, per tutti i soggetti obbligati, il modo per documentare la corretta gestione dei rifiuti speciali (e degli urbani in Campania). Il SISTRI prevede il pagamento di un contributo annuale. Le sanzioni per l'omessa iscrizione, il mancato pagamento del contributo annuale e per omissioni e errori nell'immissione dei dati nel sistema telematico sono state introdotte dal d.lgs. 205/2010. E’ stato pubblicato in data 30 maggio 2011 il decreto del Ministero dell’Ambiente che proroga all’autunno l’entrata in vigore delle procedure e delle sanzioni in tema di tracciamento digitale dei rifiuti speciali per le 360 mila aziende interessate. I termini sono differenziati per dimensione delle aziende e per tipologia di rifiuti: le prime a partire il 1° settembre saranno le aziende con più di 500 dipendenti che producono rifiuti speciali pericolosi e non, oltre che smaltitori, intermediari e operatori logistici,per le altre aziende entrerà in vigore dal 1° Dicembre 2011. Tutto abrogato. Berlusconi sanguina, la Lega abroga e l’Ecomafia ringrazia!!

Francesco Mangascià
 
 
FORUM IN EVIDENZA
14 agosto 2011 0:09
Berlusconi sanguina, la Lega abroga il SISTRI, e l’Ecomafia ringrazia!!
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori