testata ADUC
ESISTE L'ECOTURSIMO? PARE PROPRIO DI NO
di L'INFORMATORE
7 agosto 2007 0:00
 


Fonte divulgativa: CENTRO DI FORMAZIONE AMBIENTALE "MONFERRATO",
http://www.cfa-monferrato.it
Potete diffondere le notizie citando la fonte divulgativa oltre a quella
primaria


E se l'ecoturismo danneggiasse l'ambiente? Un convegno ad Oslo, dell'Unep ed
International Ecotourism Society ...
Fonte: Greenreport http://www.greenreport.it
LIVORNO. E se l'ecoturismo danneggiasse l'ambiente? E' più o meno questa la
domanda che si sono posti 300 ambientalisti, esperti ed agenti di viaggi
specializzati in natura in un recente convegno convocato ad Oslo, in
Norvegia, dall'Unep e dalla International Ecotourism Society.
La risposta che si sono dati non è tranquillizzante: in alcune condizioni
l'ecoturismo può essere dannoso come i viaggi tradizionali, ad iniziare dai
gas serra emessi dagli aerei che portano nelle destinazioni più ambite per
la loro integra biodiversità. Quindi, anche questo tipo di turismo
"rispettoso" rischia di mangiare le risorse che vorrebbe proteggere, certo
non come le seconde case, certo molto più lentamente e "sostenibilmente", ma
il rischio c'è, visto che proprio l'industria turistica è quella che ha più
da perdere (o guadagnare...) dal cambiamento climatico.
Alcune piccole aree protette del Costa Rica puntano ad essere ad emissioni
zero, in Italia è partito da Capraia il progetto "isole non-oil"
nell'Arcipelago toscano, ma a sentire la International Ecotourism Society,
la corsa del turismo "alternativo" verso i parchi nazionali, testimoniata
anche in Italia da un aumento di occupazione nelle aree protette, sia
diretta che nell'indotto, o nelle isole esotiche circondate da delicatissime
barriere coralline, sta crescendo ad un ritmo del 20% annuo dagli inizi
degli anni 90, più di tre volte superiore a quello del turismo tradizionale.
Un aumento di domanda e di frequenza che produce gas climalteranti e danni
ambientali ed antropologici non voluti, aumentando così a livello globale il
rischio di perdita di biodiversità nei parchi nazionali e quello
dell'innalzamento del livello del mare che sta già travolgendo alcune
piccole isole.
L'ecoturismo sarà sempre più fortemente influenzato dal global warming e,
visto la clientela attenta ai temi ambientali a cui si rivolge, anche dalle
previsioni di possibili stravolgimenti ambientali in alcune aree, ad
iniziare dalla siccità e dal calore che risale velocemente il bacino del
Mediterraneo. Ma l'ecoturismo, per sua natura, richiede collegamenti veloci
e costanti, con emissioni di gas serra sempre più abbondanti, che anche i
progetti di rimboschimento in atto difficilmente potrebbero risarcire del
tutto.
Il dilemma è: come "tagliare" gli arrivi dei turisti nei santuari della
natura, che rappresentano spesso l'unica forma di sostegno per le
popolazioni locali e l'unica entrata per le aree protette?
A questo il convegno di Oslo non ha saputo dare risposta.


 
 
FORUM IN EVIDENZA
7 agosto 2007 0:00
ESISTE L'ECOTURSIMO? PARE PROPRIO DI NO
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori