testata ADUC
Notifica di multe dal passato remoto: perché accettare questa assurdità?
di andrea9329
18 maggio 2011 13:45
 
Scrivo basandomi su una mai esperienza personale in corso, per proporre una riflessione generale.
Qualche giorno fa mi è stata recapitata una notifica di riscossione riguardante tre multe per divieto di sosta su marciapiede elevate nel 2008, per un totale di circa 700 euro!
Ora, ci sono varie stranezze in questa notifica: due multe sono relative allo stesso identico giorno, tutte le multe sono di base da circa 150 euro (quando normalmente le multe per parcheggio sul marciapiede erano di 80 euro in quel periodo), e soprattutto io non ho MAI ricevuto notifiche di queste multe all'epoca.
In aggiunta, la cartella riporta solo data e numero progressivo delle infrazioni, e visitando il portale delle multe del Comune i dettagli non compaiono...

Detto questo, il punto fondamentale è ancora un altro: perché mai in Italia la legge consente la notifica di queste cartelle fino a 5 (CINQUE) anni dopo l'infrazione?
Come si può ragionevolmente verificare qualcosa dopo così tanto tempo? In questo modo si è in balia degli errori (molto frequenti, chissà perché) dell'amministrazione.
E in più si devono anche pagare interessi spropositati dopo tanti anni!
In Germania per esempio il limite massimo è 1 anno!

Mi domando quindi se altri utenti hanno avuto esperienze simili, e se l'ADUC stessa potrebbe essere interessata a promuovere un'azione di public awareness in merito.
 
 
FORUM IN EVIDENZA
18 maggio 2011 13:45
Notifica di multe dal passato remoto: perché accettare questa assurdità?
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori