testata ADUC
Opa Unipol su BNL
di Alex
22 luglio 2005 0:00
 
Una banca straniera lancia un'Opa su una banca italiana e subito per motivi politici e di controllo del sistema un'altra società italiana deve rilanciare per allontanare lo straniero, che alla fine comunque ci guadagna una bella plusvalenza lasciando l'indebitamento ad altri.
Unipol, una compagnia assicurativa che capitalizza 2400 milioni di euro, sta acquistando una banca che capitalizza 8300 milioni di euro ad un prezzo che è ai massimi degli ultimi due anni. Tra l'altro tutti gli analisti bocciano l'integrazione dal punto di vista strategico, perchè porterà più costi di integrazione che benefici da sinergie, ma questo lo lasceremo decidere al tempo. Il fatto è che gli spagnoli del BBVA incassano una plusvalenza di 520 milioni di euro consegnando a Unipol la quota Bnl in loro possesso.
Che senso ha avuto tutta questa vicenda?
Staremo a vedere la fine che farà anche l'Opa su Antonveneta, dove una piccola banca non scalabile (la Banca Popolare Italiana, ex Banca Popolare di Lodi) che capitalizza 2300 milioni di euro sta mettendo le mani ovunque grazie alle amicizie che contano (Antonveneta capitalizza 7500 milioni di euro).
Anomalie del sistema italiano.
 
 
FORUM IN EVIDENZA
22 luglio 2005 0:00
Opa Unipol su BNL
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori