testata ADUC
truffato da banca di roma - romagest aiutatemi!
di Jenika
25 aprile 2006 0:00
 
è dal lontano 2000 che mi trovo in una situazione pazzesca.
il peggio è che passati tutti questi anni e delapidati gli ultimi soldi che avevo ed i guadagni del mio lavoro stò andando sul lastrico.
ho bisogno di un avvocato, uno bravo che non si fa scrupoli e che sappia far bene il mestiere in questo campo finanziario. il problema e che non posso pagarlo, mi deve aiutare e credere con me che ancora esiste una giustizia e che se mi farà recuperare avrà tutti i compensi che gli spettano.
oppure ho bisogno di qualcuno che mi aiuti nel finanziare questa causa, io oramai sono rimasto bello che dissanguato. logico che alla fine avrà tutto ciò che gli spetta ed anche più!

tento sinteticamente di fare un riassunto:

ero cliente di banca di roma fin dal 1998, sia personalmente sia con una SRL che amministravo e della quale ero socio di maggioranza e garante.
nel marzo del 2000 accesi (su consiglio del direttore della filiale) un investimento romagest profilo attivo, dell'importo di oltre 5 milioni di euro. 20 giorni dopo cambiarono il titolare dell'agenzia e con il nuovo mi trovai male per un aumento vertiginoso delle spese dei c/c, così a giugno (sempre dell'anno 2000) decisi di vendere quei fondi (804.559 quote) per liquidare il saldo passivo di c/c della SRL (all'epoca circa 70 milioni di vecchie lire) e cambiare banca. dal nuovo direttore mi fu detto che avrei dovuto aspettare diversi mesi (2 o 3) prima di rientrare in possesso di tutta la somma... ma il controvalore di quei fondi non mi fu mai accreditato, versarono solo due bonifici di circa 18 milioni di lire sul c/c della SRL e nulla più.
dopo essermi rivolto alla filiale innumerevoli volte iniziai anche a scrivere diverse raccomandate, ma la banca continuava a non rispondere in forma scritta. così, dopo aver atteso ancora invano e dopo un'altro tentativo fatto a mezzo di telegramma, mi rivolsi ad un legale.
l'avvocato mandò (a mezzo ufficiale giudiziario) un atto stragiudiziale di diffida agli amministratori pro-tempore della banca di roma sede in roma, alla romagest ed alla filiale incriminata... a distanza di circa 40 giorni pervenne risposta dalla sede dell'istituto di credito presente nella città ove si svolsero i fatti (che non era stato interpellato); quella raccomandata in risposta praticamente diceva che i fondi (804mila559 quote) erano stati venduti e regolati in filiale previo storno della somma posta a pegno della mia SRL!!! regolati in filiale?!?!
ma se non mi son mai ritornati quei soldi sul mio c/c!!!

a quel punto (in parte capito l'arcano e la fine che potevano aver fatto i miei soldi) il mio legale agì ottenendo un decreto ingiuntivo che colpiva la banca di roma e la romagest, presentandolo direttamente a roma e presso le rispettive sedi.
ci fu un incontro telefonico con un dirigente della banca (che ho registrato), io pensavo fosse per un eventuale accordo, invece fui trattato come un pezzente, mi sentii accusato di aver fatto un torto alla banca e che così non sarei arrivato da nessuna parte, visto che banca di roma in risposta avrebbe agito solo che in opposizione e io potevo salutare i miei soldi ed aspettare chissà quanti anni... il bravo dirigente si fece sfuggire e a più riprese anche frasi del tipo... faremo in modo che il giudice... porteremo il giudice a pensare ed a credere che... ecc. ecc. fino a dirmi che saranno lunghi anni di tribunale e si vedrà se arrivero fino in fondo...

le cose sono proprio andate così, aperta la causa civile, la banca presentò in opposizione gli stessi documenti in mio possesso ma ristampati e corretti a penna dicendo che l'investimento iniziale era di 5mila euro e le quote, udite! udite! 804virgola559 tutto ciò per errori informatici intervenuti in quel periodo!!!
sarebbe a dire che banca di roma aveva i terminali impazziti per 4 mesi ed ancora fuori uso ad un anno di distanza, cioè quando la sede replicò all'atto stragiudiziale di diffida.

le udienze vanno avanti di anno in anno, son stati sentiti 2 testimoni della banca, i direttori (pensavo non fosse possibile che chi potrebbe aver fatto il danno, o meglio il furto, possa anche essere ascoltato), stranamente non hanno confermato le fesserie raccontate in opposizione dall'istituto di credito; inoltre questi testimoni raccontano bugie sui loro trasferimenti, in pratica il primo direttore ha dichiarato di essere andato via dalla filiale solo che a fine anno (come se volesse addossarsi tutta la responsabilità); della società di outsorcing non s'è visto nessuno (io pensavo fossero gli unici a poter confermare i "difetti" informatici).

così, anche se un bambino guardando quei documenti capirebbe "circa" cos'è accaduto siamo nel 2006 e nulla di fatto.
le stranezze di questo procedimento son tante, tante che stò perdendo fiducia nei confronti dell'avvocato... perchè sentire a testi i 2 direttori, visto che magari son proprio loro ad essersi intascati il malloppo?
perchè ancora no perizie?
perchè i testi prima del perito?
perchè il giudice non "vede" i documenti malamente corretti e pastrocchiati a penna!!! (sich!)
perchè non vede che tutti i documenti di banca di roma (anche i duplicati dei certificati e la contabilità) hanno 2 decimali dopo la "virgola"... e in quelli in mio possesso si vuol far credere che il "punto" era in realtà una "virgola" dovuto "all'errore informatico" e che dopo la virgola si usano tre decimali!!!

ma il peggio è PERCHE' NON ESISTE UN POSTO DOVE CI SONO "COMPETENTI" IN GRADO DI VALUTARE SUBITO QUESTE COSE INVECE CHE LE LUNGAGGINI GIUDIZIARIE DI UN POSTO OVE SEMBRANO TUTTI INCOMPETENTI!!!
 
 
FORUM IN EVIDENZA
25 aprile 2006 0:00
truffato da banca di roma - romagest aiutatemi!
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori